SAN GIOVANNI INCARICO: LE IMPRESE FANNO RETE PER PROMUOVERE IL TURISMO CULTURALE E RILANCIARE L’ECONOMIA REALE.

COSTITUITO IL CONSORZIO “VALLE DELLA GUARDIA”, LA SODDISFAZIONE DI CONFCOMMERCIO LAZIO SUD

 

Dalla provincia di Latina a quella di Frosinone. Costituito venerdì pomeriggio presso il Centro Polivalente di Via Vignali a San Giovanni Incarico, alla presenza del notaio dott. Luigi Bartolomeo, il Consorzio di Rete “Valle della Guardia”.

Realtà urbane seppur piccole come il Comune di San Giovanni Incarico, noto soprattutto per il Santuario della Madonna della Guardia, con un patrim

onio artistico e religioso sono sempre più consapevoli delle opportunità offerte dal turismo culturale. Le imprese di un pezzo di storia che affonda le sue radici a metà del V secolo, esempio di preservazione di tradizioni culturali e sociali, hanno cosi deciso di fare rete per rilanciare l’economia reale.

Il neonato Consorzio si configura come una rete di filiera, insistendo su un’area vasta integrata che coniuga il centro storico e quello urbano e commerciale con lo sviluppo di imprese nelle frazioni, al fine di creare una rete diffusa che possa sostenere lo sviluppo degli eventi e del contesto socio-economico, compenetrando varie vocazioni. Quindi la vocazione della rete mira a valorizzare, migliorare e comunicare questa capacità di offerta e di servizio al territorio.

L’organo di gestione del Consorzio è costituito da un Consiglio direttivo di 5 membri, che sono: Ilario Martino, Alessio Fallone, Luisella Piccirilli, Daniele Piccirilli e Tamara Castellini cui è andata la carica di Presidente.

“San Giovanni Incarico avrà finalmente una struttura di regia in grado di mettere in sinergia le realtà esistenti, gestendole correttamente e organizzandole. Commercio, cultura e turismo sono associati in questo progetto, tali elementi possano contribuire al rilancio del nostro territorio. Il mio ringraziamento va alle tante imprese che hanno creduto nel lavoro svolto dall’Amministrazione comunale in collaborazione con Confcommercio Lazio Sud. Dobbiamo insistere sul nostro patrimonio sull’esempio di altre realtà italiane che bene hanno saputo sfruttare questo strumento” ha commentato il Sindaco Paolo Fallone che ha anche manifestato vicinanza ai dipendenti della Ideal Standard di Roccasecca i cui vertici hanno  annunciato la chiusura del sito.  

“Il rilancio complessivo di una città, insieme con il suo sviluppo turistico, sono la condizione per il rilancio del commercio -ha dichiarato il Presidente di Confcommercio Lazio Sud Giovanni Acampora-. Attraverso questa sinergia tra commercianti, associazione e amministrazione si intente perseguire una visione integrata sullo sviluppo della città. Costruiamo insieme, pubblico e privato, un’immagine della nostra città che sappia attrarre turismo, valorizzando le peculiarità  di San Giovanni Incarico e del suo territorio” ha concluso.

Per il Direttore Generale di Confcommercio Lazio Sud, Salvatore Di Cecca, è fondamentale aprire la città a progetti e manifestazioni culturali che coinvolgano i territori limitrofi, per coordinare e rafforzare percorsi turistici, azioni di rilancio e marketing insieme ad altri paesi. “Il patrimonio artistico e paesaggistico sono gli elementi per fare della cultura e del turismo l’elemento qualificante di una nuova vocazione della città in aggiunta a quella produttiva, commerciale e terziaria” ha detto.

“Parlare di rilancio turistico della città significa costruire un’offerta e quindi un sistema di attrattività e di servizi per l’accessibilità e l’accoglienza” ha commentato il neo Presidente del Consorzio Castellini che ha poi aggiunto: “fare squadra significa vincere tutti insieme. Siamo riusciti a mettere in moto una macchina che può fare molto per la nostra città. E’ proprio su questa scia di entusiasmo che dobbiamo continuare a lavorare”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*